PERIFERIE.
Di scorci, vuoti al petto e asfalto liquido